Considerazioni su Second Life, parte terza, l’evoluzione.

Torniamo un momento su quello che intendo io come RPG. Sono abituata a giocare a giochi di ruolo immedesimandomi in un personaggio di fantasia, quando ci troviamo a volte sono una ragazza umana, a volte un kender femmina, ogni tanto un troll maschio e via così, gli altri impersonano stregoni, chierici, nani, elfi di varie età e sesso, per me … Continua a leggere

Considerazioni su Second Life, parte seconda, gli inizi.

Questo post contiene frasi, termini o descrizioni che possono generare disapprovazione e critiche da parte di alcuni, quindi minorenni, bigotti, sessuofobi, moralisti, tutti quelli che disapprovano il sesso come divertimento, chi è convinto che siamo nati per soffrire, e i novax (questi sono stati aggiunti per convinzione personale e basta) sono pregati di togliersi dai piedi e smettere di leggere. … Continua a leggere

Considerazioni su Second Life, parte prima, come ci sono arrivata.

Disclaimer (di solito si mette alla fine ma preferisco chiarire le cose fin dall’inizio) Quelle che seguono sono considerazioni del tutto personali, non sono psichiatra, psicologa, sociologa, strizzacervelli e neppure competente in materia, quelle che seguono come tutto in questo blog sono idee mie soggette a cambiare nel tempo anche in base a quello che mi dicono gli altri, sono … Continua a leggere

Forza e intelligenza.

C’è la diceria, piuttosto diffusa soprattutto fra i maschi, che le ragazze carine e magari anche bionde siano delle ochette vanesie e un po’ stupide, incapaci o quasi di un ragionamento fatto non davanti ad uno specchio. Che c’entrano le bionde con la forza chiederete? Calma che ci arrivo. La diceria deve essere nata in un periodo nel quale le … Continua a leggere

Avvocati (relata refero)

Digressione

 Ho trovato queste “perle”, non so quali e quante siano inventate ma considerando alcuni avvocati di mia conoscenza penso poche.

A: “Dunque dottore, non e’ forse vero che quando una persona muore mentre dorme, non se ne rende conto fino al mattino?”

A: “Lei era presente quando le scattarono questa sua fotografia?”

A: “Il figlio piu’ giovane, quello di vent’anni, quanti anni ha?”

A: “Fu lei o suo fratello a morire in guerra?”

A: “Vi ha ucciso?”

A: “Quanto erano distanti i veicoli al momento della collisione?”

A: “Lei era lì finché non se ne è andato, giusto?”

A: “Quante volte si è suicidato?”

A: “Cosi’, la data di concepimento (del bambino) fu l’8 di Agosto?”
T: “Si'”
A: “E che cosa stava facendo in quel momento?”

A: “Lei ha tre figli, giusto?”
T: “Si'”
A: “Quanti sono maschi?”
T: “Nessuno”
A: “Qualcuno di loro è femmina?”

A: “Lei dice che le scale andavano giù fino al piano terra”
T: “Si'”
A: “E queste scale, tornavano anche su?”

A: “Signor Slatery, lei ha avuto una luna di miele particolare, vero?”
T: “Sono andato in Europa”
A: “E ci ha portato la sua sposa novella?”

A: “Da cosa è stato interrotto il suo primo matrimonio?”
T: “Dalla morte”
A: “E dalla morte di chi è stato interrotto?”

A: “Può descrivere l’individuo?”
T: “Era di media altezza e aveva la barba.”
A: “Si trattava di un maschio o di una femmina?”

A: “Dottore, quante autopsie ha eseguito su persone morte?”
T: “Tutte le mie autopsie sono eseguite su persone morte!”

A: “Si ricorda l’ora in cui ha esaminato il corpo?”
T: “l’autopsia è iniziata attorno alle 20:30”
A: “E il signor Dennington era morto?”
T: “No, era sdraiato sul tavolo desideroso di sapere perché’ gli stavo facendo un autopsia!”

A: “Può fornirci un campione di urina?”
T: “Lo posso fare sin da quando ero piccolo!”

 

A: “Dottore, prima di eseguire l’autopsia, ha controllato la presenza del battito cardiaco?”
T: “No”
A: “Allora ha controllato la pressione del sangue?”
T: “No”
A: “Ha controllato se respirasse?”
T: “No”
A: “Allora è possibile che il paziente fosse vivo quando ha cominciato l’autopsia?”
T: “No”
A: “Come può esserne così sicuro dottore?”:
T “Perché’ il suo cervello era in un contenitore sulla mia scrivania”
A: “Ma è tuttavia possibile che il paziente possa essere stato ancora vivo?”
T: “Si’, è possibile che fosse vivo e che stesse facendo l’avvocato da qualche parte!”

Minerva, dea della Sapienza e della Guerra.

Due attributi che sono in contrasto fra di loro ma solo in apparenza, la guerra nell’accezione comune del termine è un’idiozia da tutti i punti di vista ma se estendiamo la definizione dandole il significato di contrapposizione allora la contraddizione cessa. la guerra intesa come confrontarsi con un avversario, cercare di sopraffarlo a costo di sofferenze e ferite è stupido … Continua a leggere

C’è un futuro per la nostra civiltà?

Guardiamo i sintomi: Violenza, Rapine, Incendi dolosi, Bombe, Terrorismo, Sommosse, Intolleranza, Dittature, Genocidi, Razzismo, Integralismo, Odio, Sospetto, Manicheismo. Tutti indicatori di un degrado continuo dell’etica che lentamente viene sostituita dall’etologia… ritorno alle origini della specie? Ho il sospetto che i piccoli episodi di violenza che colpiscono i cittadini giorno dopo giorno, danneggino una cultura ancora più delle sommosse popolari che … Continua a leggere

Anima Religione Intelligenza e Logica. Più o meno.

Vediamo un po’, gli uomini sono religiosi perché hanno l’anima e se non l’avessero la religione sarebbe inutile ma sulla terra l’homo sapiens sapiens non è nato dal nulla e non è neanche l’unica specie intelligente sulla faccia della terra. Se le affermazioni precedenti sono vere e mi sembra che siano inconfutabili a meno che non siate creazionisti e a … Continua a leggere